BIBLIOTECA:

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la lista dei beneficiari del 5 per mille per il 2011 erogato nel 2014. Alla nostra A.S.S.O. (Archeologia Subacquea Speleologia Organizzazione) è andato un contributo complessivo di 3.075,56 euro che abbiamo investito in esplorazioni e nel rimpiazzo di piccole attrezzature. Rivolgiamo quindi un sincero grazie a chi ci ha dato fiducia e un invito a considerarci anche per la dichiarazione 2014. Chi ci conosce sa bene con quanta passione e competenza svolgiamo le nostre attività di ricerca ed esplorazione e di come queste siano prevalentemente finanziate dai soci. Chi non ci conosce potrà domandarsi, invece, perché dovrebbe rivolgere la sua scelta proprio verso la ASSO. Perché siamo veri volontari, credibili ed affermati, attivi nella scoperta e nella tutela di ciò che sta sotto i nostri piedi e sott’acqua e perché ..... non lo diciamo noi. Lo afferma l’International Academy of Underwater Sciences and Techniques assegnando alla A.S.S.O. l’”Academy Award 2014” con una motivazione che incarna perfettamente il nostro modo di essere: "Organizzazione no profit affermata nella ricerca, esplorazione e documentazione di ambienti sommersi e sotterranei. Contribuisce costantemente alla crescita della conoscenza scientifica del patrimonio archeologico e naturalistico sommerso in mare, acque interne, in grotte e cavità artificiali. Le è riconosciuta grande competenza anche nel far cooperare persone e organizzazioni molto diverse, nella divulgazione e nello sviluppo di progetti che, abbinate ad una forte spinta verso l’innovazione tecnologica ed organizzativa, l’hanno resa partner di molteplici realtà Istituzionali ed Accademiche." Questi sono i motivi per i quali vi invitiamo a destinarci il 5 per mille dell’Irpef, indicando il nostro codice fiscale (92003990584) negli appositi spazi dei diversi modelli fiscali. Grazie per il vostro tempo e per quanto vorrete suggerirci.

martedì 27 dicembre 2011

"COSA C'E' SOTTO?! MONDI SOMMERSI E SOTTERRANEI": il nuovo documentario didattico della A.S.S.O. Onlus

Appena edito, questo documentario a cura di Massimo D'Alessandro e Mario Mazzoli è stato distribuito presso le Università Italiane e gli Istituti di Scuola Statale Superiore del Lazio in modo da concretizzare lo scopo didattico e divulgativo per cui è stato ideato. Il tema è quello dei monsi sommersi e sotterranei e la realizzazione è stat possibile grazie all'Associazione A.S.S.O. in collaborazione con la Studio Blu Production e al supporto finanziario della Regione Lazio.  La qualità delle riprese, il montaggio, le musiche e i testi assicurano una buona trasmissione dei contenuti.
Lo spettatore, per 32 minuti, dopo una breve storia delle immersioni, viene introdotto nel mondo dell'archeologia subacquea con una panoramica sulle tecniche e le metodologie di indagine. La seconda parte è dedicata alla speleologia con sezioni che descrivono l'origine, la morfologia, le caratteristiche fisiche e biologiche delle grotte naturali, con riferimenti alle prime esplorazioni della fine dell'Ottocento e alla Società Speleologica Italiana. La perlustrazione delle cavità e degli ambienti ipogei realizzati dall'uomo (abitazioni sotterranee, magazzini, opere di difesa, catacmobe, acquedotti, pozzi, cisterne, canali di drenaggio, etc.) sono gli argomenti della terza parte prima della conclusione dedicata alla speleologia subacquea.
Questo video costituisce un archivio utile sia dal punto di vista storico sia per quello ambientale ed ecologico. Le motivazioni di questo lavoro che si rivolge al grande pubblico, composto da specialisti e non, sono suggerite dagli stessi curatori sulla quarta di copertina: "In un mondo sempre più complesso e popolato, dove l'uomo ha ormai messo piede dappertutto, ci sono persone che continuano ad esplorare e a chiedersi: cosa c'e' sotto?!"
(recensione di Giacomo Di Santarosa da "L'Archeologo Subacqueo" n. 50/2011)


Nessun commento:

Posta un commento