Cerca nel blog

domenica 8 luglio 2018

Sabaudia: accordo tra Comune e Asso per lo studio e la tutela del territorio

Il Comune di Sabaudia ha stretto un accordo di collaborazione con l’Associazione Onlus ASSO (Archeologia, Subacquea, Speleologia e Organizzazione) al fine di promuovere lo sviluppo di progetti di studio e valorizzazione di zone archeologiche o naturalistiche e per lo svolgimento di attività di esplorazione, ricerca scientifica e documentazione di aree e giacimenti sommersi in mare e acque interne e di ambienti sotterranei artificiali e naturali. Questa mattina, in aula consiliare, la firma ufficiale alla presenza del sindaco Giada Gervasi, del direttore generale dell’associazione Mario Mazzoli e del consigliere delegato Francesca Avagliano.

Lo studio e la tutela del territorio è tra le priorità di questa Amministrazione e l’accordo con ASSO è senza dubbio uno strumento importante e aggiuntivo per il raggiungimento degli obiettivi – commenta il primo cittadino – Viviamo in una città giovane, edificata però su un’area che nei secoli addietro non sembrava essere così inospitale. Il nostro mare, i laghi e l’entroterra potrebbero dunque nascondere ancora tanti tesori e la loro scoperta e il loro studio potrebbero portare a nuove riflessioni sulla genesi di questo territorio e sulle sue peculiarità nei diversi secoli. Ringrazio sentitamente il dottor Mazzoli e tutti i professionisti che operano in ASSO per la disponibilità e l’opportunità di lavorare insieme”.

“L’idea è di mettere in rete i siti naturalistici e archeologici del nostro territorio e farli conoscere sempre più alla popolazione residente e turistica – precisa il consigliere Francesca Avagliano – Riteniamo interessante il discorso di estendere l’indagine conoscitiva al mare e ai laghi, attività che nel nostro territorio non ci risulta essere mai stata fatta in maniera sistematica nonostante si abbiano circa 25 chilometri di costa e laghi che in epoca romana erano molto frequentati e che per questo sicuramente custodiscono molti reperti importanti. L’intento generale, ovviamente, è quello di riportare alla luce quanto ancora ci sia di nascosto, di renderlo visibile e condividerlo con cittadini e turisti”.

“Su Sabaudia le ambizioni prevalenti riguardano il mare e le acque interne perché, come diceva il consigliere Avagliano, al di là di eventi sporadici non è mai stato condotto uno studio sistematico sul potenziale archeologico-subacqueo del territorio, inteso in senso lato – conclude Mario Mazzoli di ASSO – In particolare, stiamo pensando ad un ampio progetto di rilevamenti strumentali acustici sia nel mare che nei laghi e vorremmo farlo con il preventivo e ..... CONTINUA A LEGGERE SU RADIO ONDA BLU

Nessun commento:

Posta un commento