Cerca nel blog

GRAZIE PER IL TUO 5x1000 ALLA A.S.S.O. E RINNOVO INVITO PER IL 2018



Vogliamo ringraziare di cuore chi ha voluto devolvere alle nostre attività la propria quota negli anni scorsi ed estendiamo l’invito alla donazione del 5X1000 anche per quest'anno, indicando nel riquadro CUD riservato al “Sostegno delle Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale” il nostro codice fiscale 92003990584. Mentre coloro che ci conoscono lo sanno bene, perché altri dovrebbero pensare ad ASSO ?

domenica 22 aprile 2018

Archeologi Cinesi inziano la loro prima missione in mare (fonte: CCTV+)

Il 18 aprile è salpata da Sanya, nella provincia cinese di Hainan, la nave oceanografica Tuanso-1 per effettuare la prima missione archeologica in alto mare del paese.
Sei archeologi a bordo del sommergibile Shenhai Yongshi (Deep Sea Warrior) completeranno sei immersioni nelle acque al largo di Beijiao delle Isole Xisha come parte di un'indagine archeologica, secondo l'Amministrazione statale dei beni culturali (SACH). Le immersioni, che vanno da sei a otto ore ciascuna, variano in profondità da 50 a 200 metri, anche se possono immergersi fino a 1.000 metri se necessario. Il sommergibile con equipaggio è progettato per raggiungere una profondità massima di 4.500 metri.

La missione promuoverà l'istituzione di un meccanismo interdisciplinare per l'archeologia e getterà solide fondamenta per una migliore protezione dei reperti culturali sottomarini, secondo Song Jianzhong, vice direttore del National Centre of Underwater Cultural Heritage. "Il Mar Cinese Meridionale rappresenta i due terzi delle acque marine della Cina, o circa 2 milioni di metri quadrati, e la sua profondità in media supera i 1.000 metri Se vogliamo proteggere i resti culturali sottomarini nel Mar Cinese Meridionale, con la maggior parte delle reliquie nascoste in alto mare, prima dobbiamo conoscere alcune informazioni di base sul mare, è il lavoro che non potevamo fare 30 anni fa ", ha detto Song. "Sappiamo che è una buona opportunità per effettuare esplorazioni subacquee con l'uso dello Shenhai Yongshi, che ci fornisce una piattaforma per le immersioni", ha aggiunto. 

Fondamentale per la via della seta marittima del XXI secolo, il mare che circonda le Isole Xisha è un centro di scambio culturale per diversi paesi. È anche importante per la ricerca e la protezione dei resti subacquei lasciati dalle antiche navi. La nave oceanografica Tansuo-1 è di proprietà dell'Istituto di scienza e ingegneria del mare profondo (IDSSE) sotto l'Accademia cinese delle scienze. Nel settembre 2017, l'IDSSE e il Centro nazionale del patrimonio culturale subacqueo hanno firmato un accordo quadro di cooperazione per promuovere il lavoro archeologico del mare profondo del paese. Un laboratorio archeologico di acque profonde è stato istituito congiuntamente dalle due parti a gennaio.

VEDI QUI LA NOTIZIA ORIGINALE SU CCTV+ (VIDEO IN LINGUA CINESE)

Nessun commento:

Posta un commento